lunedì 15 novembre 2010

Pettole pugliesi (passo passo)

Le pettole sono una ricetta tipica pugliese, per tradizione si preparano il giorno di Santa Cecilia(22Novembre) o dell'Immacolata Concezione(8Dicembre) ma in genere si fanno durante tutto il periodo natalizio. Noi per esempio le facciamo spesso durante tombolate o giochi a carte con amici e parenti. Si possono accompagnare ad affettati vari oppure per i più golosi si passano nello zucchero semolato e si pappano :-) Questa è la ricetta che fa mia madre ed io ho voluto impararla perchè voglio mantenere questa tradizione.
Io ho raddoppiato le dosi perchè eravamo in tanti.

*quando parlo di bicchiere mi riferisco a quelli di plastica

Ingredienti *:
1Kg di farina 00
1 bicchiere d'acqua tiepida con dentro sciolti 3 cucchiaini colmi di sale fino
1 bicchiere d'acqua tiepida con dentro sciolto 1 cubetto di lievito di birra
1 bicchiere scarso di latte tiepido
400ml circa di acqua tiepida
olio per friggere
Procedimento:
Mettere nell'impastatrice la farina,aggiungere il bicchiere d'acqua tiepida con dentro sciolti tre cucchiaini colmi di sale ed azionare l'impastatrice. Aggiungere il bicchiere di acqua tiepida con dentro sciolto il lievito di birra,continuando a lavorare l'impasto e infine aggiungere il bicchiere scarso di latte tiepido. A questo punto aggiungere a filo i 400 ml di acqua tiepida e lavorare l'impasto ad altissima velocità per circa 10 minuti. Risulterà un impasto appiccicoso e morbidissimo. Ponetelo in un tegame grande ed alto.

Se necessario aggiungere un dito di acqua e lavorare la pasta con un cucchiaio di legno facendo movimenti dall'alto verso il basso. Per darvi un idea della consistenza ecco qualche foto:

Coprire il tegame con il coperchio e lasciare riposare per 1 ora e mezzo. Ecco come appare dopo il riposo(guardando la profondità del tegame nelle foto precedenti potete rendervi conto di quanto è aumentato il volume) :

Mettere l'olio in un tegame su fuoco e quando è pronto con l'aiuto di due cucchiai ricavare delle palline dalla pasta e friggerle nell'olio bollente(non fatele troppo grosse, regolatevi facendo ogni palla con mezzo cucchiaio di impasto circa)

devono dorarsi da entrambi i lati quindi bisogna girarle e una volta dorate toglierle dall'olio e disporle in un tegame ricoperto da carta assorbente. Servire calde,quindi se le fate troppo prima passatele qualche minuto a riscaldare nel forno o nel microonde! Eccovi la foto di alcune delle tantissime pettole fatte ;-)

48 commenti:

  1. Golosissime!!!!!!!!!!! Non potrei resistere....

    RispondiElimina
  2. Che ricettina sfiziosa e golosa!!! è da un pò che non friggo.....mmmmm

    RispondiElimina
  3. Che buoneee! non le conoscevo! che fameeee! un bacione!

    RispondiElimina
  4. Fantastiche, le adoro!!!! Sei bravissima, complimenti, cara, un bacione e felice giornata

    RispondiElimina
  5. buonissime le vostre ricette tradizionali ;).

    RispondiElimina
  6. Ma che bontà!!!
    Noi proprio non le conoscevamo e quindi...rimedieremo ;)

    Grazie per questa ricetta tradizionale!!!

    Baciii
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  7. buonissimissime!!!!!
    io non aspetterei le "feste comandate" ma me le magnerei tutto l'anno!!!!!!!!!!
    bravissima!!!!
    ciaoooo

    RispondiElimina
  8. Ne mangerei a quintalate...troppo troppo buone!!!
    ciaooooo

    RispondiElimina
  9. mhhhhh...che buone...mi ricordano il natale dal nonno ...provero' a farli quest'anno...non posso sbagliare con i tuoi preziosi consigli...smackkkkkkk

    RispondiElimina
  10. Francy stellina,che bontà!!Sai la tombolata come diventa ancora più allegra e conviviale!!Un modo goloso per trascorrere del tempo insieme alle persone care!Brava anche alla mamma!!Baciotto e buona serata!

    RispondiElimina
  11. ma - che - buone !!! e io devo restare a bocca asciutta, non potendo friggere mi tocca sempre sgolosare i fritti altrui, sigh !!

    RispondiElimina
  12. Che acquolina Francesca, bravissima!!!! Un abbraccio. . .

    RispondiElimina
  13. non le conosco,le pettole,ma sono sicura che sono buonissime,complimenti!!
    p.s. ti va di partecipare al mio blog candy?
    http://dolcepassatempo.blogspot.com
    ciao

    RispondiElimina
  14. Grazie per la tua ricetta passo passo... ricordo di averle assaggiate solo una volta da una mia compagna d'università pugliese che una volta si era cimentata e ce le ha fatte assaggiare! Complimenti davvero! Ciao Francy!

    RispondiElimina
  15. Non conoscevo le pettole... assomigliano alle frittelle di carnevale che fa la mia mamma...
    che buone!

    RispondiElimina
  16. Buone le pettole!
    di sicuro le avrai provate anche con il cavolo (lu mugnulu) o il baccalà!
    Se no, nella pastella aggiungi baccalà o cavolli lessi...
    vedrai che sapore e che bontàààààà!!!

    RispondiElimina
  17. Quanto adoro queste cosine sfizioseeee!

    RispondiElimina
  18. woow che bontà!! Mi segno la ricetta che testerò non appena finito la dieta...ho fatto davvero tanto fritto ultimamente:))

    RispondiElimina
  19. Che splendida ricetta, non conoscevo queste frittelle, devono essere buonissime! bacioni

    RispondiElimina
  20. Non le ho mai provate. Grazie per la dettagliata spiegazione passo-passo. Sono molto invitanti e le voglio provare. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. Ero curiosissima di sapere cosa fossero le pettole.....e adesso che lo sò dico BUONEEEEEEEEEEE!!!!Baci

    RispondiElimina
  22. pensa che leggendo il titolo
    ho pensato alle ns "pettole"..
    un tipo di pasta...invece..
    ho trovato.........
    queste deliziose frittelle..
    complimenti a te e alla mamma!
    bacetti
    Enza

    RispondiElimina
  23. Ciao Francesca,è la stessa ricetta nostra,solo che al mio paese le chiamiamo scorpelle e hanno la stessa forma, mentre qui le chiamono scorpelle ma hanno un forma allungata.
    Brava a me piacciono da morire quando sono ancora tiepide.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Ihhhhhh è vero le pettole!!! Le avevo dimenticate! Ma come si possono dimenticare queste leccornie?????
    Bacioni gioia

    RispondiElimina
  25. sai noi in campania facciamo una cosa simile per natale! e sono buonissime!!!
    un bacione
    Pina

    RispondiElimina
  26. Mamma mia che meraviglia! Ho gironzolato un pochino sul tuo blog e devo dire che sai fare delle cose stupende!
    Complimentissimi, ritornero presto per gustare i tuoi capolavori!

    RispondiElimina
  27. Bellissima ricetta , grazie :) ciao

    RispondiElimina
  28. Mi piace conoscere le ricette tipiche delle altre regioni!!!!Non conoscevo questa ricetta, ma sembra veramente buona!!!!

    RispondiElimina
  29. eccomi qui a curiosare nel tuo blog....che cosine buone che prepari!!:)
    a presto p

    RispondiElimina
  30. mamma che fame! non conoscevo le pettole, ma mi sembrano facili da fare e stuzzicanti!

    RispondiElimina
  31. Ma che deliziose che sono!!!! Non le conoscevamo ma ne siamo rimasti conquistati, sono golosissime e le vogliamo assolutamente provare a fare anche noi, sono festose e dolcissima coccola, specie se passate nello zucchero come abbiamo intenzione di fare!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  32. questi stuzzichini io li adoro....devo organizzare una seratina con gli amici e li propongo...sono certa che li adoreranno...volevo anche dirti che stò organizzando uno swap natalizio...se entri sul mio blog sulla sinistra trovi il bannerino...se lo clicchi ti porta sul post...leggilo...mi farebbe piacere la tua partecipazione:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  33. Grazie a tutti,son contenta che vi piaccia questa ricetta della tradizione pugliese

    RispondiElimina
  34. ma si può usare farine x ciliaci? cambia qualcosa?

    RispondiElimina
  35. Non ho mai utilizzato farina per celiaci quindi non saprei. Potresti fare una piccola prova dimezzando gli ingredienti,utilizzando farina per celiaci e vedere come va..

    RispondiElimina
  36. Ciao sono Rosanna :-)
    io le farò sabato sera...sono figlia di pugliesi Doc!! sono venuta su questo blog proprio per cercare la marcia in più, e l'ho trovata :-)
    Vi farò sapere come sono venute, in genere faccio le pizze fritte ma questa volta voglio proprio fare le pettole ...quante ne ho mangiate da piccola :-)

    RispondiElimina
  37. Ciao Rosanna! Benvenuta! son contenta di esserti stata utile :) Se le provi, attendo di sapere il tuo parere ;)

    RispondiElimina
  38. Ciao Francy sono Rosanna :-)
    come preannunciato, ieri sera ho fatto le pettole per la prima volta, è stato un salto nel passato, ho ritrovato i sapori di bambina quando le faceva la mia mamma.....
    Bene, eravamo in 5, ho impastato kg 1.200 di farina proporzionando acqua e latte a seguito delle tue indicazioni...sai quante pettole sono avanzate...? n°12 palline....erano sublimi :-P
    Grazie del tuo aiuto alla prossima :-) baci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello Rosanna, sono davvero contenta che siano piaciute e che grazie alla mia ricetta hai potuto fare un salto nel passato. Le proprie radici sono importanti e i ricordi preziosi, mi fa molto piacere che attraverso la mia ricetta tu abbia ricordato quando le faceva la tua mamma! Grazie per la fiducia riposta nel provare la mia ricetta, buona giornata,a presto, Francesca

      Elimina
    2. Da che mondo e mondo, le pettole io le ho impastate sempre con le mani e non con l'impastatrice l'impasto si brucia e di conseguenza il sapore non e'lo stesso fidati.Buone pettole a tutti.

      Elimina
    3. Se le hai impastate sempre a mano, come fai a dire che con l'impastatrice l'impasto si brucia? Per tradizione si impastano a mano, ma io per comodità uso l'impastatrice e l'impasto non si è mai bruciato.

      Elimina
  39. sbagli.l'impastatrice l'ha usata quel genio di mia cognata e dopo addio...mi ha chiesto aiuto ma era troppo tardi. tutto buttato!l'impasto era venuto malissimo. ecco perche rimango fedele alla tradizione e continuero' ad impastare con le manine!!!ciaoooo

    RispondiElimina
  40. Ottime le mangio sempre non solo nella Festività avendo la mamma originaria del salento

    RispondiElimina
  41. che buone cucinate grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  42. Quasi quasi domani ne faccio un po, sono salentina e sono in Piemonte.e mi mancano a dire il vero,grazie della ricetta,spero mi escano anche con le dosi ridottissime.

    RispondiElimina
  43. Stay sweet carbonated drinks and fruit juices because you consume alcohol organic and natural extract not
    until on a monthly basis. African-american Mango is in your area
    enhanced located in Cameroon, To the west Nigeria the week's time just that look into creating all of the important sellers nowadays in the
    event you is a detailed endurance.

    Here is my homepage; african mango testimonials - -

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...