lunedì 1 novembre 2010

Torta morbida di albumi al cioccolato


"Signorina ma lei ce l'ha le vene, si? " guardo terrorizzata l'infermiera che mi ha infilzato un ago nel braccio e lo gira come se stesse mescolando la crema pasticcera sul fuoco...solo che non cerca di evitare che si attacchi,ma cerca le mie vene che non trova...
"Si dottoressa...ma come le ho spiegato le mie vene sono profonde e sottili e anche se ne beccate una, il sangue non esce con una buona pressione...ma moolto lentamente...tiratemelo dalla mano come fanno tutti ! "
L'infermiera è lì che scava ancora nel braccio...provo ad insistere...
"Dottorè...le ho già detto che a me l'ago fa senso e che dal braccio è un impresa trovare la vena... per favore smetta di girare l'ago"...acconsente...mi sfila l'ago dal braccio e passa alla mano, tasta...ma delle vene neanche l'ombra...
"signorina non sento le vene ma ne vedo una, ora provo"...
quel "provo" mi fa rabbrividire di nuovo e penso che forse avrei dovuto dargli la mano sinistra, visto che la destra mi serve di più!! Ariecco che infila l'ago ...ohi...sulla mano fa più maleee...sento l'ago che rigira alla ricerca della vena...l'ultima volta stavo svenendo ma stavolta devo essere forte, non devo pensare a sto cappero di ago del quale ho la fobia e che mi sta torturando...devo pensare ad altro...e a cosa pensa un appassionata di cucina e golosona come me? a un dolce!! Così inizio a pensare al dolce che devo fare non appena rientro a casa, penso agli albumi nel freezer da smaltire e mentre inizio ad immaginare il mio bel dolce ecco che vedo la faccia dell'infermiera rilassarsi "Beccataaaaaaaaaaaa!!"
Oh che bello penso...abbiamo fatto un passo...e si perchè il successivo è quello di riempire le provette: il mio sangue esce senza pressione, piano piano!! Tant'è che una volta mi feci coraggio, cercai di superare la fobia degli aghi e andai a donarlo..."signorina non si preoccupi" mi disse l'infermiere "anche se sviene noi non le stacchiamo l'ago...le mettiamo le gocce sotto la lingua e lei resta lì finchè non si riempie la sacca"...
la sacca?? dopo 10 minuti di schiaffi sul braccio mi hanno trovato la vena e dopo altri 10 minuti che erano lì ad aspettare che si riempisse almeno un pochino la sacca, mi tolsero rassegnati l'ago. Praticamente gli infermieri erano tutti su di me ad assistere a questo strano "fenomeno".
Mentre ripenso a questo episodio passato finalmete si son riempite due provette ma la terza proprio non ne vuol sapere...si ferma a metà "vabbè signorina,vedremo di farci bastare questo..." Oh bene, tiro un sospiro di sollievo, incubo finito, stavolta me la son cavata con due buchi soltanto! Ora di corsa a casa a rifarmi con una bella torta cioccolatosa ^_^


La ricetta proviene dal mitico blog di Imma, io ho solo aumentato un pò gli ingredienti in proporzione alle dimensioni del mio stampo e sostituito la maizena con fecola di patate. Questa torta è di una sofficità unica ed è super cioccolatosa, la rifarò spesso!

Ingredienti:
6 albumi
120 gr di zucchero a velo
120 gr di burro
72 gr di maizena (io fecola di patate)
240 gr di cioccolato misto (io ho usato 200 gr di fondente più 40 gr di cioccolato al latte)
1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci

Procedimento:
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro e riversarlo in una ciotola. Aggiungere lo zucchero a velo, il lievito e la fecola setacciati, mescolando bene senza creare grumi.
A parte montare benissimo gli albumi con un pizzico di sale e inglobarli al cioccolato.
Imburrare e infarinare uno stampo da 26 cm di diametro e versare all'interno il composto.
Cuocere a 170° per 35/40 minuti (io ho cotto a 180° per 30 minuti). Infine spolverizzare con zucchero a velo.

42 commenti:

  1. Per fortuna io non ho questo problema!!!!! non so quanto potrei sopportare, cmq pansiamo alla tua torta che è mordidosa.....ciao.

    RispondiElimina
  2. Acc.... i prelievi del sangue non sono la mia passione ed ho la fortuna di farlo con un unico bucotto! Hai scelto un modo molto goloso per non pensarci...è una torta favolosa!! morbida e libidinosa, da provare...bacioni!!!!

    RispondiElimina
  3. Io ho tremila acciacchi, ma per fortuna il prelievo riescono a farmelo anche senza laccio emostatico...Cmq la torta è bellissima. Dalla foto della fetta è facile capire quanto è soffice. Direi che ti sei consolata alla grande. Un bacione

    RispondiElimina
  4. mamma mia che storia il tuo sangue.... non vorrei essere in te:
    la torta ha un aspetto super sofficioso e deve essere un bontà grazie per averla riproposta.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Povera piccola, meno male che ti sono venuti in mente "dolci" pensieri!!! Anche a me vedendo questa torta me li hai fatti venire... sei bravissima e ghiottissima!!

    RispondiElimina
  6. Lo credo bene che ti sei rifatta con questa appetitosa torta........ne avreste meritate due come minimo però!!!!!! Un bacio e complimenti

    RispondiElimina
  7. Francy, povera te... ho presente la situazione di quando non si trova la vena! :((
    Ma vedo che ti sei consolata per benino... immagino la delizia! Io conoscevo quella di albumi classica che rimane sofficissima (ma è davvero troppo dolce per i miei gusti!) quest'idea di "spezzare col cioccolato" te la rubo subitissimo, immaginbo sia divina! Bravissima! Un bacione grande!

    RispondiElimina
  8. allora nn sono l'unica!! a me ogni volta è una tortura e me le devo fare anche spesso le anlisi..e anch'io nn posso donare! uffi! questa torta deve essere super soffice..da provare..mettendo maari del caffè come piace a me! http://ilpomodorosso.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. il mio piccolino ha questo tuo stesso problema e ogni volta sto male solo a guardare tutta sta tiritera...piccolo mio..cmq e' vero non pensiamoci piu' e godiamoci sta dolcezza...arrivooooo!!!bacioni

    RispondiElimina
  10. Francesca io adoro il cioccolato! grazie!

    RispondiElimina
  11. Oddio come me la rivedo la sccena che hai descritto. Fortunatamente ho le vene piuttosto superficiali che si beccano benissimo, ma l'ultima volta che ho fatto il prelievo un'infermiera masochista ha decoso che quella grossa e bene in vista era troppo semplice e così è andata a caccia nel mio braccio di chissà quale capillare che forse le era più simpatico. Peccato che a me quel cerca cerca con l'ago lo fosse meno!!!! Questa torta cioccolatosa è decisamente è quello che ci vuole per tirarsi da un bel salasso e non solo! Un bacione gioia, buona settimana

    RispondiElimina
  12. mamma mia era da tanto che non venivo a sbirciare un pò di ricettine!! Qua si ingrassa solo a vedere le bontà che pubblichi!! complimenti per tutte le ricettine deliziose che sempre prepari e che ci ispiri a fare!!
    baci patty

    RispondiElimina
  13. Francy stellina,ho lo stesso tuo problema!!Non ti dico che torture,anche se li avviso sempre prima, non so com'è...sembra debbano esercitarsi proprio su questi ""fenomeni""strani!!Aivoglia a dirgli di provare sulla mano,desistono solo quando ormai hanno sudato sette camicie e fatto girovagare quell'ago per dieci minuti..Una vergogna!!Ad agosto ho fatto delle analisi e non puoi sapere con che chiazze sono andata in giro!!!Non pensiamoci va e tiriamoci sù con la tua tortina meravigliosa!!Riesci a darmi sempre nuove ricettine per sfruttare gli albumi!!Grazie tesò,un baciotto per la bua!

    RispondiElimina
  14. Come ti capisco, io ho due dei miei tre figli con lo stesso problema e ogni volta è un dramma. Complimenti per la torta, ha un aspetto veramente soffice, giusto per consolarsi dopo tanto stress, un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. mi auguro tu non debba fare troppo spesso prelievi....altrimenti povera te....io lavoro in un laboratorio analisi e in effetti se ne vedono di tutti i colori...da quelli che svengono a quelli che resistono a torture di ogni tipo....comunque complimenti per la sofficissima torta...baci katia

    RispondiElimina
  16. Come ti capisco anche io ho lo stesso problema,mi si rizzano i peli appena le vedo avvicinarsi con un ago!
    Buona la torta la faccio anche io cosi....
    puoi passare un'attimo da me?
    baci

    RispondiElimina
  17. Piccola : (
    Fra la fetta è molto invitante e si vede la sua morbidezza ma il giorno dopo è uguale? (ammesso che ne resti un pò)

    RispondiElimina
  18. Beh che il cioccolato faccia passare tutti i brutti pensieri è appurato ormai..io sono una grande consumatrice e dico che funziona alla grande.
    Questa toorta me la mangio con gli occhi, dev'essere buonissimaaaaaaaaaa!
    Un bacione

    RispondiElimina
  19. Oddio ti mi vuoi morta....io non posso nemmeno pensare ad un ago...stanotte non dormirò...
    E hai pure messo una torta simile a una che a me è venuta una schifezza poche settimane fa...decisamente questo post non fa al caso mio :( :(

    RispondiElimina
  20. Anche io odio fare il prelievo del sangue!!!...ho una fifa degli aghi!!!!
    La torta è ottima...complimenti!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao Francy.. come sta adesso il braccio??? meno male che durante la difficile operazione di ricerca ti sei distratta a pensare a questa meraviglia.. un bacio

    RispondiElimina
  22. o mamma che avventura tesor con questi prelievi mi sono sentita male solo a leggere pero sei stata coraggiosa,bravisssssima!!!e al torta tesoro è venuta uno splendore davvero perfetta e soffice come deve essere!!baci imma

    RispondiElimina
  23. Ahhhhhh Frà.. stavo svendendo solo a leggere il tuo post!! Parli con quella che ogni volta che va a fare i prelievi.. deve farli sdraiata..sennò.. poff.. vado lunga... E pure nel mio caso la vena non riescono mai a trovarla.. non ti dico che m'hanno fatto al braccio quando mi son operata.... stavo svendendo pure da sdraiata!! vabbè.. andiamo oltre.. Ottimo il tuo dolce.. son dell'opinione che fatta con gli albumi vien più morbidosa!!!!Bacioni e buona giornata .-)

    RispondiElimina
  24. Spettacolare, appena mi passa la fase della nausea provo a farla!!!!
    Non parlarmi di prelievi: per i prossimi 7 mesi ce ne sarà praticamente uno al mese per me!!!!!

    RispondiElimina
  25. Ha un aspetto favoloso questa torta, squisita! ache io ne ho fatta una sabato, adoro le torte al cioccolato ;) Bacii

    RispondiElimina
  26. Da ragazzina ero terrorizzata dai prelievi...poi ho voluto imparare a fare le punture e ho smesso di avere paura! E da allora dono anche il sangue! Dopo il prelievo però..una bella fetta di questa torta,ci vuole!

    RispondiElimina
  27. La tua torta è fantastica, complimenti. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  28. povera piccola.....meno male
    che ti sei rifatta con questa
    meraviglia di torta...complimenti!!
    un bacio
    Enza

    P:S..Grazie Francesca

    RispondiElimina
  29. mamma mia!! Mi hai fatto venire la pelle d'oca!!
    Io non ho paura degli aghi, però quando faccio le analisi, non riesco a guardare l'ago che buca la pelle @_@ pensare poi che a te devono cercare la vena..
    Il dolce mi ispira tantissimo!!! Lo devo provare! =D

    RispondiElimina
  30. Manca poco che svengo solo leggendo il tuo post. Deve essere un bello stress farti gli esami del sangue. Comunque il dolce è meraviglioso, bacioni!

    RispondiElimina
  31. Ciao !Mi piacerebbe invitarti visitare mio nuovo post, dove ti aspetta una piccola soppresina!Buona giornata Romana

    RispondiElimina
  32. che bontà!! gli albumi poi la rendono super-sofficiosa!! complimenti per le belle ricette che ho trovato nel tuo bel blog! ciao, giulia

    RispondiElimina
  33. interessante questa ricetta con gli albumi, a noi pellegrini di artusi avanzano sempre :)

    RispondiElimina
  34. che meraviglia!! si vede che è sofficissima!!! da provare!!! grazie!! un bacione

    RispondiElimina
  35. passa da me c'è un giochino x te

    RispondiElimina
  36. Caspita,allora non sono l'unica ad avere questo problema,vedo che è condiviso da molti insieme alla fobia degli aghi :( Grazie per la solidarietà siete gentilissime!! :)

    Per Titty:si si,il dolce il giorno dopo mantiene la sua sofficità! io l'ho conservato coperto e il giorno dopo era ancora sofficissimo!

    Per Elel:ops,mi sa che sei finita nel post sbagliato eh eh

    Per Fabiana:ora va beglio grazie :)

    Per Imma: grazie mille per essere passata e per la meravigliosa ricetta!

    Per Romy: ma che bella notizia!!!tanti auguri!!!

    Per Luciana: a chi lo dici cara :) mondo cioccolatoooooo!!!

    Per Giulia: ciao!benvenuta nel mio blog!

    Per Romana, Enza e Francesca: Grazie per l'invito :D

    RispondiElimina
  37. E mammamia!!!!!!!!Io sono terrorizzatissimaaaaaa dai prelievi, ti capisco benissimo xchè ho la pressione sotto le scarpe e il sangue esce male.....Signora mia, cambiamo discorso che è meglissimoooo!!!!!!!!!111
    La torta non si discute....e queste sono le cose che mi piacciono di piùùùùùùùù!!!!!
    Baciotto e grazie dell visita.
    Cinzia.

    RispondiElimina
  38. ...mamma mia che brividi che mi hai messo con il tuo racconto...il bello è che nonostante gli avvertimenti e le indicazioni loro continuano imperterriti...sadismo da infermieri! :)...hai fatto bene a consolarti con questa delizia al cioccolato :) è anche un ottimo rimedio per riciclare gli albumi...e l'idea di usare più cioccolati mi piace eccome :D un bacione!

    RispondiElimina
  39. Ciao!!!! Come ti capisco!!!
    Anche a me tutte le volte succede la stessa cosa, mi girano e rigirano l'ago finch'è solitamente si arrendono ed usano la farfallina dei bambini......e come per magia...!!!!
    Hai fatto bene a ricompensarti con questa splendida torta!!!!
    Un sogno!!!!
    Baci grandi!!!!

    RispondiElimina
  40. Sìììì! Ho tanto bisogno di qualcosa di coccoloso in questo momento!
    Splendida.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  41. un'ottima idea per consumare i bianchi d'uovo in avanzo! ciao!

    RispondiElimina
  42. Grazie a tutte!!

    Per vincent: Grazie mille per l'invito, sono già iscritta, il banner è infondo al blog insieme agli altri:)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...